Nuovi finanziamenti per le Aree Interne

Sono stati pubblicati nuovi bandi e avvisi pubblici per l’erogazione di risorse in ambito rurale e per le Aree Interne.

PNRR: Risorse per servizi e infrastrutture sociali nelle Aree Interne

Il PNRR finanzia un nuovo Avviso pubblico dedicato a progetti che intendono sviluppare servizi e infrastrutture sociali di comunità nei territori delle Aree Interne. La misura fa parte della Missione n. 5 “Inclusione e Coesione”, Componente 3: “Interventi speciali per la coesione territoriale” – Investimento 1: “Strategia nazionale per le aree interne – Linea di intervento 1.1.1 “Potenziamento dei servizi e delle infrastrutture sociali di comunità”.
Obiettivo del bando è realizzare nuovi servizi e infrastrutture sociali, e migliorare quelli già esistenti al fine di contrastare e mitigare condizioni di disagio e fragilità sociale delle popolazioni dei Comuni periferici e ultraperiferici del nostro paese.
L’Avviso è finanziato nel limite complessivo di 500 milioni di euro. Gli enti locali potranno presentare fino a un massimo di 3 proposte progettuali il cui importo complessivo varia a seconda del numero di abitanti dei Comuni che possono partecipare in forma singola o associata. Gli enti pubblici del settore Sanitario e gli altri soggetti pubblici ammessi potranno presentare fino ad un massimo di 3 proposte progettuali il cui importo complessivo non potrà superare 5.000.000 di euro.
Le proposte progettuali dovranno essere trasmesse entro e non oltre le ore 14.00 del 16/05/2022.
> SCOPRI I DETTAGLI DEL BANDO!

PNRR: Bando per l’Architettura Rurale

Il bando Architettura rurale si inserisce nella componente M1C3 Turismo e Cultura del PNRR e mira a restituire alla collettività e all’uso pubblico, un patrimonio edilizio altrimenti poco utilizzato e accessibile. Con il bando si desidera infatti avviare un vasto e sistematico processo di conservazione e valorizzazione degli edifici storici rurali e di tutela del paesaggio rurale: il recupero del patrimonio rurale favorirà non solo le attività legate al mondo agricolo, ma anche la creazione di servizi a beneficio della fruizione culturale e turistica, e contribuirà a sostenere i processi di sviluppo locale.
In particolare, il bando intende valorizzare le opportunità di sviluppo territoriale connesse alle Olimpiadi Invernali Milano – Cortina 2026, premiando gli interventi che insistono nelle aree dei Comuni della Valtellina, lungo la direttrice interessata dalle attività olimpiche, nei Comuni dell’Alto Lario (da Menaggio ai Comuni appartenenti alla Riserva Naturale dei Pian di Spagna e Lago di Mezzola), nei comuni attraversati dalla SS36 da Milano a Colico, ecc.
Possono presentare domanda di finanziamento i soggetti aventi la disponibilità degli immobili, nello specifico possono partecipare: persone fisiche; soggetti privati profit, imprese in forma individuale o societaria; soggetti privati non profit (compresi enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, enti del terzo settore, associazioni, fondazioni, cooperative).
Il contributo viene concesso all’80% e al 100% a seconda della tipologia di bene/immobile architettonico rurale e fino a un massimo di € 150.000,00.
Le proposte progettuali dovranno essere trasmesse entro le ore 16.00 del 23 maggio 2022.
> GUARDA IL BANDO SUL SITO DI REGIONE LOMBARDIA

PNRR: Farmacie rurali e servizi di prossimità

Il PNRR prevede la concessione di risorse destinate al consolidamento delle farmacie rurali (Missione n. 5 – Inclusione e Coesione) nelle Aree Interne.
I soggetti beneficiari dell’iniziativa sono le farmacie rurali sussidiate e situate nei centri con meno di 3.000 abitanti. La misura intende ampliare la disponibilità sul territorio di servizi sanitari “di prossimità”, garantendo una migliore offerta alla popolazione delle aree più marginalizzate.
La dotazione complessiva dell’Avviso è di 100 milioni di euro di contributo pubblico e mira a finanziare circa 2500 farmacie entro giugno 2026. La forma di investimento prevede una compartecipazione di finanziamento pubblico e privato: l’impiego di capitali privati dovrà corrispondere ad una quota pari a 1/3 (un terzo) del costo totale dell’investimento, il contributo pubblico corrisponde invece ad una quota pari ai 2/3 (due terzi) fino a un massimo di € 44.260,00 sotto forma di contributi a fondo perduto.
I contributi pubblici saranno erogati fino ad esaurimento delle risorse disponibili sulla base di una procedura a sportello, le domande di partecipazione vanno inviate entro il 30/06/2022.
> SCOPRI I DETTAGLI DELL’AVVISO

Fondo per la Progettazione Territoriale

È stato recentemente pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) che ripartisce il Fondo per la progettazione territoriale istituito presso l’Agenzia per la Coesione territoriale.
Le risorse del fondo ammontano a 161.515.175,00 € finalizzati a rilanciare e accelerare i percorsi di progettazione nei piccoli Comuni, nelle Province e nelle Città metropolitane delle Regioni del Sud, e nei Comuni delle Aree Interne individuati nella nuova mappatura 2021-2027.
Obiettivo dell’istituzione del fondo è rilanciare e accelerare il processo di progettazione degli enti locali in vista dell’avvio del ciclo di programmazione 2021-2027 dei fondi strutturali, del Fondo per lo sviluppo e la coesione e della partecipazione ai bandi attuativi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).
Il principale risultato atteso è l’elaborazione e la raccolta di un parco progetti, aggiornato rispetto ai fabbisogni territoriali, diversificato e innovativo, che consenta e sostenga l’accesso alle imponenti risorse finanziarie allocate nei fondi e negli strumenti finanziari per la ripresa e lo sviluppo locale.
Sono ritenute ammissibili le spese relative ai procedimenti avviati dopo il 18 febbraio 2022 ed affidati entro il 18 agosto 2022.

> LEGGI TUTTI I DETTAGLI RELATIVI AL FONDO PER LA PROGETTAZIONE TERRITORIALE
>> GUARDA l’elenco completo delle amministrazioni interessate e le quote assegnate.

6° Tavolo di Monitoraggio

Il 1° Aprile si è tenuto il sesto incontro di monitoraggio per l’Area interna Alto Lago di Como e Valli del Lario. Il tavolo di confronto periodico tra il Comitato Tecnico di Regione Lombardia, i Comuni, le Comunità Montane e i numerosi stakeholder locali coinvolti, aveva come obiettivo verificare lo stato di realizzazione di tutte le attività e gli interventi contenuti nell’Accordo di Programma Quadro della Strategia.

Molti gli interventi che hanno preso avvio: gli Enti sono ora impegnati nelle progettazioni definitive di servizi e interventi, alcuni cantieri sono partiti, altri hanno già terminato i lavori.

Gli Istituti scolastici, partendo dalle schede inziali, stanno lavorando sullo sviluppo operativo delle attività prendendo in considerazione le attuali condizioni di svolgimento del servizio educativo e delle esigenze degli studenti. Sono stati attivati diversi tavoli di confronto per redigere gli atti di costituzione della rete delle scuole e l’organizzazione dei principali interventi per migliorare l’apprendimento dell’inglese, la diffusione delle materie STEM e i servizi di orientamento per ragazzi e famiglie.

Le Aziende Territoriali Sanitarie (ATS) stanno studiando nuovi servizi per la medicina territoriale e l’assistenza domiciliare, oggi più che mai utili per curare pazienti fragili nelle aree interne. La pandemia da Covid-19 ha infatti messo in luce l’importanza prioritaria di questo genere di servizi alla persona.

L’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale (TPL) del bacino di Como, Lecco, Varese sta redigendo la scheda operativa per il potenziamento dell’offerta e la qualità del servizio destinato a studenti, lavoratori e turisti.

Numerosissimi sono poi gli interventi relativi all’efficientamento energetico degli edifici pubblici, e legati alla valorizzazione delle risorse turistiche. La Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera e la Comunità Montana Valli del Lario e del Ceresio sono infatti impegnate nella riqualificazione e connessione di diversi percorsi e itinerari cicloturistici presenti sul territorio, realizzando così nuovi collegamenti tra la fascia lacuale e le aree più interne delle Valli. In questo modo sarà possibile offrire ai visitatori una maggior varietà di proposte escursionistiche, con diversi livelli di difficoltà e con la possibilità di sostare nei punti più panoramici del territorio, ricaricando le energie e anche la batteria delle e-bike noleggiate o di proprietà.

In corso di attuazione è anche l’innovativo progetto Fisval – Filiera integrata e sostenibile per la produzione di valvole smart – guidato dalla capofila Advanced Technology Valve (ATV) di Colico (LC). Il progetto di ricerca e sviluppo ha come obiettivo quello di sviluppare un collegamento a livello di tutta la filiera produttiva per la creazione di un gemello digitale delle valvole che operano a centinaia di metri nelle profondità marine dei pozzi petroliferi, per garantirne la sicurezza e il funzionamento senza guasti. Il progetto coinvolge due prestigiosi poli universitari, l’Università di Brescia e il Politecnico di Milano, e sei aziende: la capofila ATV, Quantra, Oleodinamica Martinalli, Metior, Industria Metallurgica Odobez e Brepo.

Una Strategia davvero ricca di contenuti e iniziative quella dell’Area Interna Alto Lago di Como e Valli del Lario che conta più di 30 interventi volti a migliorare la coesione territoriale, generare nuovi impulsi di sviluppo e sostenere le eccellenze locali.

I progetti in corso: focus sul turismo

La Strategia d’Area Alto Lago di Como e Valli del Lario si sviluppa attraverso l’attuazione di progetti promossi dai Comuni, dalle Comunità Montane e dagli altri soggetti pubblici e privati del territorio.

Nel corso del 2019 sono molti gli interventi che hanno preso avvio, impegnando gli Enti, in particolare, nelle attività preliminari di sviluppo delle progettazioni, degli studi di fattibilità e dei progetti tecnici. Attività spesso complesse, che prevedono un’articolazione dei progetti in molteplici lotti, al fine di garantire la migliore copertura dell’intero territorio dell’area interna.

Un focus in particolare meritano i progetti finalizzati al potenziamento dell’offerta turistica territoriale: rientrano qui gli interventi promossi dalla Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera e dalla Comunità Montana Valli del Lario e del Ceresio che, in coordinamento con i Comuni dell’area interna, stanno lavorando per ampliare e riqualificare la rete degli itinerari cicloturistici.

L’obiettivo è quello di sviluppare i percorsi, integrando tratti mancanti, riqualificando alcuni punti dei quelli esistenti e realizzando nuove connessioni tra la fascia lacuale e quella delle Valli. In questo modo sarà possibile offrire ai visitatori una varietà di proposte, con diversi livelli di difficoltà e con la possibilità di raggiungere luoghi meno conosciuti, anche a partire da poli di maggior richiamo turistico.

La prima fase delle attività si è concentrata sullo sviluppo dei progetti tecnici preliminari che – ora – sono in fase di perfezionamento, con l’elaborazione dei definitivi: una volta verificati i progetti con Regione Lombardia, al fine di assicurare la rispondenza rispetto ai requisiti previsti dal POR FESR Asse VI – che prevede su questa linea di intervento un contributo complessivo di € 3.100.000,00 – sarà possibile procedere all’appalto dei diversi lotti. Con tempistiche differenti a seconda dei progetti, l’obiettivo è quello di ultimare i lavori entro dicembre 2021.

In occasione del prossimo Tavolo di Coordinamento tra territorio e Regione sarà quindi possibile verificare lo stato di avanzamento delle attività per assicurare la più veloce e corretta attuazione degli interventi.